Presonus Notion 6… i primi passi

0
336
Beppe Bornaghi e Notion 6 Presonus

Iniziamo con questo articolo una serie di tutorial dedicati al nuovo software di notazione musicale di casa Presonus, Notion 6. Notion 6, è un software notazionale di ultima generazione localizzato interamente in italiano.

Installando Notion 6 e lanciando il programma vi troverete di fronte alla schermata iniziale 

In questa finestra potrete creare una nuova partitura, aprire delle partiture recenti, importare delle partiture oppure sceglierne una da modello (i modelli sono riportati alla vostra destra).

Una volta creato e selezionato Nuova partitura, troverete, nella colonna di destra, in modo decisamente intuitivo, tutto l’elenco delle famiglie di strumenti, all’interno delle quali sarà possibile scegliere ciascun singolo strumento (o ensemble). Basterà  un click per poter selezionare e aggiungere il rigo dello strumento desiderato in partitura. 

Una volta scelti gli strumenti, il vostro foglio si presenterà, come nell’illustrazione seguente, con tre simboli in fianco a ciascun strumento: un ingranaggio, una x rossa un occhio verde. 

Vediamoli ora nel dettaglio. Il simbolo dell’ingranaggio vi permetterà di  modificare il suono scelto, lo strumento musicale impostato, il nome dello strumento e la sua abbreviazione. (in caso di tablatura anche l’impostazione della stessa). La X rossa vi permetterà di eliminare il rigo di quello strumento  dalla partitura (qualora, ad esempio, vi foste sbagliati ad aggiungerlo).

Con l’occhio verde potrete nascondere temporaneamente il rigo alla vista o alla stampa. 

 

Una volta usciti dalla impostazione della partitura (cliccando sul pulsante “Esci da impostazione della partitura” posto in alto), vi troverete di fronte alla partitura vera e propria, con in basso la tavolozza degli strumenti principali.

Con questa tavolozza potrete intervenire sul vostro foglio di musica e realizzare tutta la partitura (o quasi). Troverete l’icona freccia e l’inserimento di tutti i  testi, l’icona delle alterazioni, l’icona delle note e delle pause, quella delle legature e degli accenti, quella delle forcelle, dei crescendi, l’icona degli abbellimenti, delle indicazioni di tempo, dei cambi di chiavi, ecc.

In alto alla vostra finestra di lavoro, troverete invece il Playback con tutte le sue funzioni di riascolto, il metronomo, e, più a destra, le modalità di inserimento della musica in partitura.

A chiusura delle funzioni in alto alla schermo avrete anche la possibilità di aprire un Mixerbello e ricco di funzioni,

per la gestione audio e midi di ogni canale o strumento con la possibilità di applicare effetti, pan, ecc.        

In Notion l’inserimento delle note può avvenire in diversi modi: attraverso mouse, tastiera musicale,

pad di una drum,

attraverso manico di chitarra.

Potrete inserire, per ciascun rigo, sia una singola melodia che polifonia a due, tre o quattro voci indipendenti.

Novità della versione 6 è sicuramente l’nserimento attraverso la modalità  Handwriting, ovvero attraverso la scrittura a mano. Basterà cliccare sull’icona contraddistinta dalla punta di una penna stilografica e quindi sulla  conseguente icona della scrittura a mano che comparirà in fianco.

Vedrete il monitor del vostro computer dividersi in due parti. Sotto avrete la possibilità di scrivere a mano (attraverso mouse, pennino ecc..) e sopra vedrete il risultato del vostro lavoro già in partitura, in formato stampa.

Notion è inoltre dotato di una serie di suoni orchestrali inclusi nel suo pacchetto di acquisto. Tuttavia, qualora foste interessati ad ampliare ulteriormente il bundle dei suoni, potrete acquistarne altri separatamente.

   

Chiudiamo questo tutorial introduttivo sul nuovo software di notazione musicale di casa Presonus guardando il menu Preferenze. Da qui sarà possibile lavorare sulle impostazioni generali del programma, sull’audio, sul midi, sul midi record e sulla impostazione del midi stesso, su tutte quelle funzioni necessarie per creare, importare e salvare musica in diversi formati

SHARE
Articolo precedenteLibro Guida Pratica Finale 25 Italiano Di Beppe Bornaghi
Articolo successivoFinale tips and tricks
Beppe Bornaghi
Beppe Bornaghi Compositore, pianista e docente di tecnologie musicali, è Responsabile Nazionale Educational di Finale 25, Notion 6, Studio One 4 e Guitar Pro. Insegna Tecnologie musicali presso il Conservatorio Donizetti di Bergamo e il CPM di Milano. Tiene corsi di aggiornamento di tecnologia musicale per docenti nelle maggiori città italiane (Milano, Parma, Verona, Roma, Napoli,Torino ecc..). I suoi album sono presenti in tutti gli store mondiali (Spotify, iTunes ecc…). Collabora, come consulente tecnico-musicale, con numerosi musicisti di fama internazionale e diversi teatri italiani. Speaker radiofonico. Docente di pianoforte e di propedeutica musicale in accademie della Lombardia. Pianista dimostratore nazionale per Dexibell. Scrive per due editori (Editrice la Scuola, Setticlavio Edizioni) e per i maggiori network musicali nazionali (SM Strumenti Musicali, Age of Audio, Ziomusic, MusicOff, BigBox).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome